Foto realizzata durante una giornata di test de febbraio 2019 (Steffen Trumpf/picture-alliance/dpa/AP Images)
  • Mondo
  • venerdì 4 Ottobre 2019

Ha aperto la pista da sci sopra il termovalorizzatore di Copenaghen

È stata costruita sul tetto dell'impianto ed è fatta con un materiale – realizzato da un'azienda italiana – che permette di sciare tutto l'anno

Foto realizzata durante una giornata di test de febbraio 2019 (Steffen Trumpf/picture-alliance/dpa/AP Images)

Oggi sull’isola Amager di Copenaghen, in Danimarca, è stata aperta al pubblico una pista da sci artificiale costruita sul tetto del termovalorizzatore Amager Bakke (anche conosciuto come Copenhill). Il termovalorizzatore – un tipo di inceneritore in cui il calore prodotto dalla combustione dei rifiuti viene utilizzato per produrre energia – si trova a circa 10 minuti di macchina dal centro della città ed è stato aperto nel 2017. Ha preso il posto di un inceneritore che entro il 2020 verrà convertito in una centrale a biomasse.

L’impianto brucia 70 tonnellate di rifiuti all’ora, e in un anno è in grado di trattare circa 400mila tonnellate di rifiuti solidi prodotti a Copenaghen, prodotti da 550-700mila cittadini e 46mila imprese. Con la spazzatura bruciata viene prodotta energia elettrica per circa 60mila famiglie e riscaldamento per 120mila.

La costruzione del termovalorizzatore è costata in tutto circa 610 milioni di euro, e negli scorsi anni se n’era parlato molto perché l’impianto era stato pensato non solo per smaltire i rifiuti ma anche per diventare un punto di ritrovo per i cittadini di Copenaghen. Il progetto è stato ideato dallo studio dell’architetto danese Bjarke Ingels, e oltre alla pista da sci prevede percorsi per fare trekking e strumenti per fare attività sportiva all’aperto. Nei prossimi mesi verrà inaugurata anche una parete da arrampicata alta 85 metri, che diventerà la più alta al mondo.

La pista da sci è lunga circa 400 metri e si estende per 10mila metri quadrati. Ci sono tre piste di diversa difficoltà (nera, rossa e azzurra), quattro skilift, un servizio di noleggio sci, punti di ristoro e una scuola di sci. È realizzata con un materiale sintetico prodotto dall’azienda italiana Neveplast, che si trova a Albano Sant’Alessandro (Bergamo), che permette di sciare tutto l’anno con qualsiasi temperatura e anche in assenza di neve.