• Mondo
  • martedì 1 ottobre 2019

Meghan Markle ha fatto causa al Mail on Sunday per aver pubblicato una sua lettera privata

Meghan Markle, duchessa del Sussex e moglie del principe Harry, ha fatto causa all’editore del tabloid britannico Mail on Sunday, che a febbraio aveva pubblicato senza autorizzazione una sua lettera privata indirizzata a suo padre.

Con un comunicato diffuso martedì, il principe Harry ha detto che sua moglie è da tempo oggetto di una campagna d’odio da parte dei tabloid britannici, accusandoli di aver avuto nei suoi confronti toni e aggressività sempre crescenti nel corso dell’ultimo anno. Harry ha parlato della sofferenza che questi attacchi hanno causato a sua moglie e – facendo riferimento anche alla morte di sua madre, la principessa Diana – ha detto che non poteva più ignorare la cosa. Il Mail on Sunday ha sempre difeso la scelta di pubblicare la lettera di Meghan Markle, che è ancora disponibile sul sito del giornale, ma non ha commentato la notizia della causa legale. La causa è stata intentata per violazione delle norme sulla privacy, per violazione del diritto d’autore e abuso di informazioni private.

L’editore del Mail on Sunday, Associated Newspapers, è anche l’editore del più noto Daily Mail, uno dei tabloid più venduti e popolari del Regno Unito, famoso per usare spesso toni molto esagerati, per uno scarso rispetto della privacy delle persone e per la diffusione di notizie false. Negli ultimi anni, il Mail on Sunday ha pubblicato diversi articoli per mettere in imbarazzo il padre di Markle, Thomas Markle, che è notoriamente in cattivi rapporti con sua figlia.

Il principe Harry e Meghan Marke alla prima del Re Leone a Londra, 14 luglio (Tolga AKMEN/AFP/LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.