Nissan richiamerà 1,23 milioni di auto negli Stati Uniti e in Canada per un problema al software della telecamera posteriore

L’azienda automobilistica giapponese Nissan richiamerà 1,23 milioni di automobili dagli Stati Uniti e dal Canada per risolvere un problema con le telecamere posteriori presenti su alcuni modelli di veicoli venduti tra il 2018 e il 2019. Il problema, che riguarda ad esempio il SUV Nissan Rogue e la berlina Nissan Altima, è che il software delle telecamere, che permette ai proprietari dei veicoli di cambiare le impostazioni della telecamera e del display per modificare l’inquadratura, non la fa tornare alla configurazione iniziale nell’utilizzo successivo. Questo viola le regole sulla sicurezza relative alle telecamere usate per assistere nelle operazioni di manovra: secondo una lettera mandata da Nissan all’autorità americana per la Sicurezza sulle autostrade, la ridotta visibilità posteriore dovuta al problema del software della telecamera «potrebbe aumentare il rischio di incidenti nel caso il conducente non regolasse di nuovo l’inquadratura prima di fare retromarcia».

Il richiamo partirà il 21 ottobre. Nissan aggiornerà gratuitamente, nelle concessionarie, i software di tutti i veicoli interessati.

SUV Nissan Rogue in un concessionario di Highlands Ranch, in Colorado, negli Stati Uniti, il 25 agosto 2019 (AP Photo/David Zalubowski)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.