Huawei ha presentato due nuovi smartphone, senza servizi e app di Google

Si chiamano Mate 30 e Mate 30 Pro e sono i primi dopo la messa al bando decisa dal governo degli Stati Uniti

Huawei ha presentato oggi a Monaco (Germania) i suoi nuovi smartphone Mate 30 e Mate 30 Pro, i primi a non poter essere venduti con le applicazioni e i servizi di Google, a causa della messa al bando dell’azienda cinese decisa dal governo degli Stati Uniti, che impedisce alle società statunitensi di fare affari con alcune aziende tecnologiche cinesi. Il Mate 30 ha uno schermo da 6,62 pollici, mentre il Mate 30 Pro ne ha uno da 6,53 pollici. Entrambi i modelli utilizzano un processore Kirin 990 prodotto da Huawei e il Mate 30 Pro ha anche una versione 5G, per le reti mobili ad alta velocità di prossima generazione.

Il sistema operativo dei due smartphone è EMUI 10, una variante di Android realizzata da Huawei e che ne imita molte funzionalità. EMUI viene di solito fornito con le applicazioni di Google, ma sui nuovi modelli come i Mate 30 e 30 Pro non potrà offrire i servizi dell’azienda statunitense. Non sarà inoltre disponibile il Google Play Store, il servizio per scaricare e acquistare nuove applicazioni gestito sempre da Google. Gli utenti potranno utilizzare al posto l’applicazione AppGallery, che però ha una scelta di poche decine di migliaia di applicazioni, contro gli oltre 2,7 milioni di app di Google Play Store. Huawei intende comunque investire circa un miliardo di dollari per incentivare gli sviluppatori a produrre app anche per il suo store.

La mancanza dei servizi di Google potrebbe disincentivare l’acquisto da parte di numerosi utenti, che soprattutto in Occidente sono abituati ad associare Android all’azienda statunitense. In Cina, Huawei vende da tempo i propri smartphone con una versione modificata di Android, perché i servizi di Google non sono disponibili nel paese, quindi non si noteranno grandi differenze. Huawei ha inoltre annunciato di essere al lavoro su un sistema operativo alternativo, Harmony, che potrebbe consentirle di superare le attuali limitazioni nate in seguito ai divieti commerciali imposti dal governo di Donald Trump.

(Sven Hoppe/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.