• Mondo
  • giovedì 19 settembre 2019

Sono stati assolti tre ex dirigenti della società che gestiva la centrale nucleare di Fukushima nel 2011

In Giappone sono stati assolti tre ex dirigenti di Tepco, la società elettrica che gestiva la centrale nucleare di Fukushima, che nel 2011 era stata colpita da un terremoto e da uno tsunami che provocarono la fusione dei noccioli di tre dei quattro reattori. I tre ex dirigenti – l’ex presidente Tsunehisa Katsumata e gli ex vicepresidenti Sakae Muto e Ichiro Takekuro – erano stati accusati di negligenza per non aver previsto e attivato misure necessarie per prevenire e gestire i rischi dovuti alle conseguenze del terremoto e dello tsunami. Sono le uniche persone a essere state processate per quel che successe a Fukushima.

Una veduta aerea dell'impianto nucleare di Fukushima Daiichi oggi - Fukushima, Giappone (Kyodo)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.