• Mondo
  • martedì 17 settembre 2019

C’è stato un incendio nel laboratorio di ricerca Vector, in Siberia, una delle ultime due riserve del virus del vaiolo nel mondo

Ci sono stati una fuga di gas e un incendio nel laboratorio di ricerca di Vector, in Siberia, Russia, una delle ultime due riserve ufficiali del virus del vaiolo nel mondo. L’incidente è avvenuto lunedì durante i lavori di ristrutturazione di una sala al quinto piano dell’edificio dove si trova il laboratorio: un dipendente è rimasto ferito riportando sul corpo ustioni di terzo grado. Le autorità russe hanno insistito sul fatto che la stanza in cui è avvenuto l’incendio non conteneva sostanze pericolose e che non c’è stato alcun danno strutturale all’edificio in cui si trova il laboratorio.

Durante l’epoca sovietica, il Centro di virologia e biotecnologia Vector era il laboratorio in cui si facevano ricerche per le armi biologiche. Ora è un importante centro di ricerca sulle malattie, in cui sono contenuti molti virus come quello dell’ebola e del vaiolo. Oltre che a Vector il vaiolo è ufficialmente conservato in un solo altro posto al mondo: il centro per la prevenzione e il controllo delle malattie di Atlanta.

Il virus del vaiolo, 1975 (Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.