• Mondo
  • lunedì 16 settembre 2019

Purdue Pharma, produttrice del farmaco oppioide Oxycontin, ha dichiarato bancarotta

Purdue Pharma, la società farmaceutica statunitense produttrice del farmaco oppioide Oxycontin, ha dichiarato bancarotta, come previsto dall’accordo raggiunto la scorsa settimana con 24 stati ed oltre 2000 città e contee statunitensi per chiudere le migliaia di cause che erano in corso nel paese. L’accordo prevede anche che la società paghi tra i 10 e i 12 miliardi di dollari ai querelanti e che la famiglia Sackler, proprietaria di Purdue Pharma, ne ceda il controllo.

Gran parte del denaro che la società verserà ai querelanti verrà usata per creare una nuova società gestita dagli stessi querelanti: sarà una società pubblica, in una formula per cui tutti i suoi proventi andranno agli stati, alle città e alle comunità che hanno fatto causa a Purdue. La nuova società, inoltre, dovrà produrre farmaci che servano a contrastare la dipendenza da oppioidi.

Un grande numero di persone era diventato dipendente dall’Oxycontin dopo che era stato pubblicizzato aggressivamente come farmaco che non dava problemi di dipendenza. Purdue Pharma è accusata di aver cercato di trarre profitto curando una dipendenza che lei stessa aveva contribuito a creare in maniera determinante.

(AP Photo/Toby Talbot, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.