Twitter ha bloccato diversi account legati al regime di Cuba, fra cui quello di Raúl Castro

Ieri sera Twitter ha bloccato decine di account privati di persone legate al regime di Cuba, fra cui l’ex presidente Raúl Castro e diversi giornalisti che lavorano per i media statali. Twitter non ha spiegato il motivo della sua decisione e per il momento non ha risposto alle domande dei giornali che ne hanno chiesto conto.

Il sindacato dei giornalisti cubani l’ha definito «un atto di guerra cybernetica, chiaramente pianificata in anticipo, che vuole limitare la libertà di espressione delle istituzioni cubane e dei suoi cittadini». In realtà a Cuba non esiste una vera libertà di espressione: il Guardian ha ricordato che il giornalismo indipendente è tollerato ma illegale, e diversi siti di news critici col governo sono inaccessibili dall’isola.

Alcuni account rimangono comunque visibili, come il profilo in lingua inglese del giornale ufficiale del Partito comunista, Granma.

 

(AP Ramon Espinosa/Pool/Getty Images )

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.