• Mondo
  • giovedì 12 settembre 2019

La polizia russa ha perquisito decine di case private e uffici legati al leader di opposizione Alexei Navalny

Giovedì mattina la polizia russa ha perquisito decine di edifici legati al più importante leader di opposizione del paese, Alexei Navalny. Le perquisizioni sono state eseguite in più di 80 indirizzi di 29 città diverse, ha detto Leonid Volkov, stretto consigliere di Navalny: oltre agli uffici del gruppo politico a cui appartiene Navalny, responsabile di molte proteste antigovernative organizzate quest’estate a Mosca, la polizia ha perquisito anche diverse case private di collaboratori e volontari. Secondo la portavoce di Navalny, Kira Yarmysh, le operazioni di polizia sono state «un atto di intimidazione», un tentativo di «paralizzare» il lavoro dell’organizzazione confiscando documenti e altro materiale.

Le perquisizioni di giovedì sono le terze legate a Navalny compiute dalla polizia nell’ultima settimana.

Alexei Navalny (AP Photo/Alexander Zemlianichenko)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.