La British American Tobacco taglierà 2.300 posti di lavoro entro gennaio 2020

La British American Tobacco, multinazionale produttrice di sigarette con sede a Londra, ha annunciato il taglio di 2.300 posti di lavoro entro gennaio 2020, a causa di una ristrutturazione interna diretta a favorire la crescita di nuovi prodotti, considerato il calo delle vendite delle sigarette tradizionali. La British American Tobacco, che produce i marchi Kent, Dunhill e Lucky Strike, sta puntando soprattutto sulle sigarette elettroniche Vuse e su quelle Glo, che scaldano il tabacco invece di bruciarlo: un cambio di questo genere richiede però nuovi investimenti e una struttura aziendale che riesca a prendere decisioni rapide per rispondere alle nuove preferenze dei consumatori.

Il taglio dei posti di lavoro, ha detto la British American Tobacco, riguarderà oltre il 20 per cento delle posizioni “senior” della società, che in totale impiega più di 55mila dipendenti.

(Nicolas Armer/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.