• Mondo
  • mercoledì 11 settembre 2019

Una medica olandese è stata assolta in un importante processo su un caso di eutanasia

Una medica olandese è stata assolta in un importante processo che potrebbe fare da precedente per i casi di eutanasia praticata sui pazienti con demenza senile nei Paesi Bassi. Tre anni fa la medica aveva praticato l’eutanasia su una donna di 74 anni che un anno prima aveva espresso per iscritto la volontà di essere sottoposta all’operazione, specificando però di volerlo fare «nel momento giusto». Secondo l’accusa, la medica – pur agendo in buona fede – non aveva fatto sufficienti sforzi per assicurarsi che la donna volesse ancora sottoporsi all’operazione, escludendo quindi la possibilità che avesse cambiato idea. Il tribunale dell’Aia ha invece assolto completamente la medica, stabilendo che non commise reati praticando l’eutanasia sulla paziente.

Un processo simile non si era mai tenuto nei Paesi Bassi, dove l’eutanasia è legale dal 2002, e si crede che possa essere importante per stabilire delle linee guida sul modo in cui va svolta la pratica.

Il Queen Fabiola Children Hospital di Bruxelles, in Belgio, uno dei paesi dove è consentita l'eutanasia (AP Photo/Yves Logghe, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.