• Mondo
  • martedì 10 settembre 2019

Sono stati identificati tutti i resti delle persone morte nell’incidente aereo in Etiopia, avvenuto sei mesi fa

Il capo della polizia etiope Endeshaw Tassew ha detto che sono stati identificati tutti i resti delle 157 persone morte nell’incidente del Boeing 737 della compagnia aerea Ethiopian Airlines, precipitato in Etiopia il 10 marzo del 2019. Tassew ha spiegato che l’indagine è stata «molto impegnativa»: l’impatto era stato talmente violento che erano rimasti solo frammenti dei corpi precipitati. Le famiglie non erano state precedentemente avvisate e hanno appreso la notizia dalla stampa.

I resti erano stati raccolti sul posto e poi inviati in un laboratorio gestito dalla britannica Cellmark, che si occupa di scienze forensi; hanno partecipato al lavoro anche l’azienda britannica Blake Emergency Services, l’Interpol e la polizia etiope.

Sul luogo dell'incidente, Bishoftu, Etiopia, 10 marzo 2019 (Jemal Countess/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.