• Sport
  • martedì 10 settembre 2019

L’ex pilota Michael Schumacher è stato ricoverato in un ospedale di Parigi, dice Le Parisien

Il quotidiano francese Le Parisien ha scritto che lunedì l’ex pilota di Formula 1 Michael Schumacher è stato ricoverato in un ospedale di Parigi per ricevere delle “cure segrete” a base di cellule staminali. Le Parisien non ha rivelato le fonti dell’informazione, che non è stata confermata ufficialmente, ma la notizia è stata ripresa da giornali e agenzie di stampa di tutto il mondo.

Di Schumacher, il più vincente pilota di Formula 1 di sempre, si hanno pochissime notizie dal dicembre 2013, quando rimase coinvolto in un grave incidente di sci battendo la testa e fu tenuto per alcuni mesi in coma farmacologico. La sua famiglia in questi anni è riuscita a non fare trapelare informazioni sulla sua salute; a luglio Jean Todt, l’ex manager della Ferrari e ora presidente della Federazione Internazionale dell’Automobile, aveva detto di aver visto con lui alcune gare di Formula 1, senza aggiungere molto altro. Lo scorso gennaio Schumacher ha compiuto 50 anni.

Le Parisien, un quotidiano considerato non autorevolissimo, ha scritto che lunedì Schumacher è arrivato all’ospedale George Pompidou di Parigi, dove dovrebbe iniziare una terapia basata sulla trasfusione di cellule staminali ideata dal chirurgo Philippe Menasche. Secondo Le Parisien, Schumacher è arrivato all’ospedale di Parigi su un’ambulanza ed è stato portato nell’ospedale su una barella coperta che ne nascondeva il corpo e il volto. In primavera, dice sempre Le Parisien, Schumacher aveva già visitato due volte l’ospedale Pompidou. I trattamenti a cui si sta sottoponendo in questi giorni dovrebbero durare fino a mercoledì.

Michael Schumacher durante una conferenza stampa nel 2006 a San Paolo, in Brasile (MARCUS BRANDT/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.