• Italia
  • martedì 10 settembre 2019

La Cassazione ha confermato la condanna dell’ex generale Bruno Stano al risarcimento danni dei familiari delle vittime di Nassiriya

La Corte di Cassazione ha confermato la condanna dell’ex generale Bruno Stano a risarcire le famiglie delle persone morte nell’attentato di Nassiriya, avvenuto il 12 novembre 2003 in Iraq. Stano era il generale che guidava la missione italiana. Nella strage morirono 19 cittadini italiani (12 carabinieri, 5 militari e due civili) e 9 iracheni, e vennero ferite almeno 140 persone. Stano è accusato di aver «sottovalutato» le avvisaglie di un attacco «puntuale e prossimo» e di non aver preso le adeguate misure per contrastarlo. La Corte ha anche confermato l’assoluzione per l’ex colonnello dei carabinieri Georg Di Pauli, oggi generale e all’epoca responsabile della base Maestrale a Nassiriya.

L’attentato di Nassiriya

(AP Photo/Anja Niedringhaus)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.