• Mondo
  • martedì 10 settembre 2019

Almeno 31 persone sono morte a Kerbala, in Iraq, nei festeggiamenti per la festa musulmana dell’Ashura

Almeno 31 persone sono morte e 100 sono state ferite a Kerbala, in Iraq, durante i festeggiamenti per la festa musulmana dell’Ashura, che ricorda l’uccisione dell’imam al-Husayn ibn Ali, nipote di Maometto, e dei suoi seguaci da parte dell’esercito del califfo Yazid I, avvenuta proprio a Kerbala il 10 ottobre 680. L’Ashura è una delle feste più importanti dei musulmani sciiti, prevede un pellegrinaggio a Kerbala e vari atti di autolesionismo, come autoflagellazioni con lame, coltelli e catene. La notizia è stata data dal ministero della Sanità iracheno, che non ha specificato le ragioni delle morti.

Karbala durante l'Ashura, Iraq, 2008 (Wathiq Khuzaie/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.