• Italia
  • martedì 3 settembre 2019

La procura di Ragusa ha indagato il comandante e il capo missione della nave Eleonore della ong Mission Lifeline

La procura di Ragusa ha indagato il comandante e il capo missione della nave Eleonore, operata dalla ong tedesca Mission Lifeline e che ieri aveva forzato il divieto di entrare in acque territoriali italiane attraccando al porto di Pozzallo, in Sicilia, dove aveva fatto sbarcare 104 migranti soccorsi otto giorni prima nel Mediterraneo. L’ipotesi di reato è quella di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La nave è stata sequestrata, e affidata in custodia allo stesso comandante. Tra le persone sbarcate dalla nave, la polizia ha arrestato un 18enne sudanese che si sospetta essere stato lo scafista del gruppo di migranti.

Migranti a bordo di Eleonore, 31 agosto 2019 (Johannes Filous/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.