Philip Morris ha detto che sta trattando una possibile fusione con Altria, da cui si divise nel 2008

Philip Morris International, azienda multinazionale statunitense di tabacco, ha confermato di stare trattando una possibile fusione con Altria Group, un’altra grande azienda di tabacco e prodotti collegati. Si tratterebbe, ha spiegato il Sole 24 Ore, di una «fusione alla pari attraverso uno scambio azionario». Insieme, Altria e Philip Morris, hanno in borsa un valore di oltre 200 miliardi di dollari. Nel 2008 le due società, fino ad allora unite, si erano divise: Altria si era occupata soprattutto del mercato statunitense e Philip Morris di quello internazionale. Tra le varie cose, Altria controlla anche il 35 per cento di Juul, una delle più grandi aziende al mondo di sigarette elettroniche.

(Chris Hondros/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.