• Italia
  • lunedì 26 agosto 2019

La frase di Giancarlo Giorgetti sui medici di base

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha detto che è vero, ne mancheranno 45mila: ma tanto «chi ci va più?»

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio e dirigente della Lega Giancarlo Giorgetti, considerato il politico più vicino a Matteo Salvini, è intervenuto domenica al “meeting” di Rimini, la manifestazione organizzata annualmente dall’organizzazione cattolica Comunione e Liberazione, e ha fatto alcuni criticati commenti sui medici di base. Giorgetti stava rispondendo a una richiesta del leader di Articolo Uno, Roberto Speranza, sui maggiori fondi necessari secondo lui per la sanità, e ha detto:

Caro Speranza, è vero, mancheranno 45mila medici di base nei prossimi cinque anni. Ma chi va più dal medico di base? Senza offesa per i medici di base anche qui presenti in sala. Nel mio piccolo paese vanno ovviamente per fare le ricette mediche, ma quelli che hanno meno di cinquant’anni vanno su internet, si fanno fare le autoprescrizioni su internet, cercano lo specialista. Tutto questo mondo qui, quello del medico di cui ci si fidava anche, è finita anche quella roba lì.

Giorgetti nel suo commento ha accennato alla futura carenza di medici di base del sistema sanitario italiano: in breve, ci sono moltissimi medici che stanno andando o che andranno presto in pensione, e i giovani per sostituirli non sono abbastanza. È un problema legato a mancanza di fondi e programmazioni sbagliate, a come sono strutturati i corsi universitari e all’età media avanzata dei medici italiani.

Se ne discute da tempo come di un grosso problema, seppur poco raccontato, ma quasi mai nei termini in cui ne ha parlato Giorgetti. Le persone che vanno dal medico di base, infatti, non sono affatto poche: secondo l’Istat ci va almeno una volta all’anno il 74 per cento degli italiani con più di 15 anni, e oltre il 90 per cento di chi ha più di 65 anni. Le percentuali per chi ha consultato uno specialista scendono al 54 per cento degli over 15 e al 67,2 per cento degli over 65.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.