• Mondo
  • domenica 25 agosto 2019

Il presidente di Nauru non è stato rieletto in parlamento e perderà il suo incarico

Il presidente di Nauru Baron Waqa non è stato rieletto in parlamento e dovrà lasciare il suo incarico martedì, quando il nuovo parlamento si riunirà per la prima volta ed eleggerà un nuovo presidente. Le elezioni sono state sabato e si è votato in tutto il paese per rinnovare i 19 seggi del parlamento: in tutto hanno votato circa 7.000 persone. Waqa, che era presidente dal 2013, era candidato nella circoscrizione di Boa, dove è stato però battuto da altri due candidati. Lo stato di Nauru è la repubblica indipendente più piccola al mondo. Occupa un’isola estesa poco più di 20 chilometri quadrati e collegata per via aerea solo all’Australia e ha uno dei governi più disfunzionali del mondo, dove la separazione dei poteri è saltata da tempo e dove i ministri sono più dei parlamentari. Il presidente, eletto dal parlamento tra i suoi membri, è anche il capo dello stato. Negli ultimi anni, Nauru è spesso finita nelle notizie perché ospita i controversi campi di detenzione per richiedenti asilo provenienti dall’Australia, più volte definiti prigioni a cielo aperto per i migranti.

Il presidente di Nauru, Baron Waqa (al centro), il 3 settembre 2018 (New Zealand Herald Photograph by Jason Oxenham)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.