Sette agende molto belle, per aver voglia di organizzarsi meglio

Da quella che hanno tutti a quelle che non ha nessuno: ricaricabili, minimaliste, sobrie o dai colori accesi

Quando si va a scuola, l’unica consolazione delle vacanze che finiscono è il momento in cui si sceglie il materiale scolastico per l’anno che sta per cominciare: con i quaderni nuovi arriva anche un po’ di voglia di usarli e quindi di ritornarci, a scuola.
L’unica cosa che ha un effetto comparabile, nel più ostile mondo degli adulti, è l’acquisto di una nuova agenda: un’agenda-di-carta di quelle che si toccano, perché i calendari sul computer o sul telefono non hanno lo stesso potere.

Sfogliando le pagine bianche di un’agenda nuova si fanno buoni propositi per il nuovo anno lavorativo e si promette a se stessi che si sarà più ordinati e organizzati. E viene voglia di cominciare a riempirla, l’agenda, dei primi impegni, appuntamenti e scadenze.
Se vivete con ansia l’avvicinarsi inesorabile della fine delle vacanze, quindi, procurarvi una bella agenda potrebbe essere un buon diversivo. Per venirvi incontro abbiamo selezionato alcune agende molto belle e funzionali – a nostro sindacabile giudizio – che si possono comprare online e ricevere in pochi giorni.

Un’agenda di una storica cartoleria londinese
Letts è una cartoleria londinese con più di duecento anni di storia che ebbe successo soprattutto per i suoi registri commerciali, quelli per chi deve registrare entrate e uscite di un’attività. Da allora il catalogo di Letts non si è particolarmente ampliato in quanto a prodotti – l’azienda continua a essere specializzata in diari, calendari e registri – ma si è allargato a una vastissima scelta di modelli. Le agende sono di qualità, con copertine essenziali, monocolore e fantasia, e il design delle pagine è molto semplice e pulito. Si può scegliere tra agende settimanali come questa accademica tradizionale (che però è solo in inglese) o questa più moderna che invece è multilingua, entrambe sui 15 euro. Altrimenti, se la preferite giornaliera, c’è questo modello in diversi colori o quest’altro, con l’elastico che la tiene chiusa, anche in versione “slim” per chi ha poco spazio: su Amazon costano tutte circa 20 euro, inclusa la spedizione. Sul sito di Letts si raggiunge più o meno la stessa cifra (le agende costano un po’ meno, ma il costo di spedizione è di 6 euro e 50).

Il Post ha fatto una newsletter sui regali di Natale

Un’agenda ricaricabile
L’agenda Filofax fu inventata e commercializzata da un’azienda inglese che si chiamava Norman & Hill e che poi, visto il grande successo che l’agenda ebbe negli anni Ottanta, decise di cambiare il proprio nome in Filofax, appunto. Il modello originale di Filofax è un’agenda in cuoio ad anelli che può essere “ricaricata” ogni anno con un nuovo blocchetto di fogli aggiornato. Le agende Filofax sono quasi sempre a tinta unita ed esistono in tantissimi colori. Sono anche un bel regalo per un’occasione importante come per esempio una laurea, perché sono effettivamente un “regalo che dura”, e infatti hanno un costo superiore a quello di una normale agenda. Sul sito di Filofax costano dai 22 ai 260 euro, dipende dal modello (quelle più economiche sono molto piccole e hanno fantasie un po’ vistose). Su Amazon ci sono i modelli classici, che vanno dai 50 ai 70 euro. Le ricariche invece costano 7,50 euro.
La redazione Consumismi apprezza quella color verde chiaro, quella rosa fucsia e quella lilla, ma esistono anche colori più sobri.

Un’agenda allegra
Ban.do nacque a Los Angeles nel 2009: all’inizio faceva solo accessori per capelli, ma oggi fa un po’ di tutto, anche cartoleria. Il design di Ban.do è molto festoso e la sua mission è “progettare cose che rendano le persone più felici”. Nelle agende ci sono illustrazioni da colorare, pagine di adesivi, pagine 3D da guardare con gli appositi occhiali (inclusi nell’agenda) e un sacco di altre cose. Le agende Ban.do 2019-2020 si possono acquistare online su Paperchase, una cartoleria con negozi in tutto il mondo: in Italia non è ancora arrivata, ma lo shop online è molto fornito e spedisce anche qui. Costano dai 21 ai 35 euro.

Un’agenda minimalista
A chi vuole un’agenda senza fronzoli ne consigliamo due.

La prima è questa agenda di carta Kraft, un tipo di carta molto resistente che mantiene il colore naturale del legno e che ricorda un po’ lo stile della cartoleria di Muji. Ha le dimensioni di un A5, non ha mesi e giorni segnati, quindi si può cominciare a usarla quando si vuole. Ogni due pagine c’è una specie di tabella con i giorni della settimana che può essere usata sia per una settimana sola (ogni giorno è diviso in sei fasce orarie) sia per sei settimane, se sapete già che le vostre giornate non sono così fitte di impegni, ma avete scadenze più a lungo termine (per esempio se siete studenti universitari). Su Paperchase costa 9 euro.

La seconda è l’agenda della cartoleria coreana JStory. È prodotta con carta riciclata e inchiostro di soia. Ce ne sono di diverse dimensioni (piccola, media, grande, molto grande) ma su Amazon (l’unico negozio che le spedisce in Italia) l’unica che costa meno di 50 euro è quella di medie dimensioni: la trovate a 25 euro più la spedizione.

Un grande classico
Nel 2015 un giornalista del New Yorker raccontava di essere stato a un evento per startup e investitori dell’industria tecnologica e aver notato con sorpresa che la maggior parte delle persone nella stanza non aveva in grembo un computer portatile, bensì un taccuino Moleskine. Negli ultimi anni le agende del marchio milanese Moleskine, che si ispiravano originariamente ai taccuini di pelle nera dall’aspetto sgualcito di grandi artisti e intellettuali come Van Gogh, Picasso e Hemingway, sono state adottate dagli studenti delle università americane e dai dirigenti di grandi aziende tecnologiche, diventando una sorta di simbolo internazionale dei “creativi”.

La più comoda da usare e trasportare è la Moleskine settimanale, che quando è aperta mostra i giorni da lunedì a domenica sulla sinistra e una pagina libera per gli appunti sulla destra. Esiste in diversi colori e in tre formati, è meno ingombrante della giornaliera e aiuta ad avere un’idea generale degli impegni e delle scadenze della settimana. Su Amazon quella extra large costa 20 euro, quella large costa 19 euro e quella tascabile (o “pocket”) costa 15,20 euro. Sul sito di Moleskine un paio di euro in più per ogni modello.
Se però siete davvero molto impegnati, oppure scrivete molto grande, quella giornaliera è meglio perché c’è un’intera pagina a disposizione per ogni giorno (e infatti è anche più spessa). L’agenda giornaliera è di medie dimensioni (un po’ più snella di un formato A5) e – su Amazon – varia dai 17 ai 24 euro in base alla scelta della copertina: rigida o flessibile, blu, nera o rossa. Sul sito di Moleskine costa 24,90.

Un’agenda per cambiare metodo
Ultima, un’agenda che non è propriamente un’agenda.
Si chiama “Bullet journal” ed è un metodo ideato dal designer Ryder Carroll, che cominciò a lavorarci allo scopo di organizzare meglio i propri compiti quando gli fu diagnosticato un disturbo da deficit di attenzione; diventò un libro nel 2013. Oggi è uno strumento molto usato per organizzare gli impegni e aumentare la propria produttività. All’inizio bisogna dedicare un po’ di tempo a capire come funziona e come può essere più utile a ciascuno di noi (è un metodo flessibile, che ognuno può adattare alle proprie esigenze), ma poi diventa abbastanza immediato: oltre al libro, online si trovano tutorial e canali YouTube dedicati. Per metterlo in pratica si può usare un qualsiasi quaderno, oppure si può comprare un Leuchtturm, che è il taccuino “ufficiale” del bullet journal, caratterizzato dal fatto di avere le pagine numerate. Su Amazon costa 22 euro e c’è in moltissimi colori, a quadretti, a righe, a puntini o con le pagine bianche.

Libri scolastici, come acquistarli online

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismi, il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi – che potrebbero variare di giorno in giorno rispetto a quelli indicati, in base alle offerte. Ma potete anche cercarli su Google.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.