(Brent Stirton/Getty Images)
  • Mondo
  • martedì 20 agosto 2019

Machu Picchu ha davvero bisogno di un aeroporto?

Il governo peruviano – che vuole aumentare il turismo – ritiene di sì, ma l'UNESCO non vuole

(Brent Stirton/Getty Images)

Machu Picchu, il noto sito archeologico nel sud del Perù, è uno dei luoghi più visitati al mondo. Nonostante non sia semplicissimo da raggiungere, nel 2018 ci è andato oltre un milione e mezzo di turisti, il 12 per cento in più rispetto al 2017 e quasi il doppio rispetto a dieci anni fa. È un problema, data la fragilità del sito e la sua posizione in mezzo alla natura, e c’è molta preoccupazione riguardo al fatto che le cose potrebbero peggiorare. Da qualche mese, infatti, sono iniziati i lavori per la costruzione di un nuovo aeroporto vicino a Machu Picchu, che aumenterebbe il turismo nell’intera area, portando di certo qualche vantaggio ma anche diverse criticità. Al punto che in questi giorni l’UNESCO – l’agenzia delle Nazioni Unite per la conservazione di luoghi dal valore storico, culturale e ambientale – ha inviato al governo peruviano una lettera in cui si è detta preoccupata.

La lettera dell’UNESCO non è stata resa pubblica ma il Guardian ha scritto che ricorda al Perù che deve rispettare alcuni obblighi per proteggere Machu Picchu e l’intera Valle Sacra, una vasta area ricca di siti storici Inca. Il Guardian ha scritto che la lettera ribadisce anche che il Perù è tenuto a coordinare con l’UNESCO ogni attività che potrebbe danneggiare Machu Picchu e la vicina città di Cusco, anch’essa patrimonio dell’umanità. Un portavoce del governo peruviano ha detto che il ministero della Cultura risponderà alla lettera nei prossimi giorni, senza aggiungere altro.

Non è la prima volta che l’UNESCO rimprovera il Perù per la sua gestione di Machu Picchu. Già nel 2017 fece presente che i visitatori – che nei giorni di maggior flusso erano più di cinquemila – erano troppi, più del doppio rispetto al limite raccomandato dall’UNESCO stessa. Da allora Machu Picchu ha cambiato le modalità di erogazione dei biglietti: gli ingressi ora sono scaglionati, con alcune centinaia di visitatori ammessi nei due turni previsti (mattina e pomeriggio), ma non è stato ridotto il numero di visitatori totali. Il Guardian scrive anzi che i piani del governo peruviano prevedono che il nuovo aeroporto possa raddoppiare i visitatori annuali.

Per andare a Machu Picchu senza fare giorni di camminata, oggi c’è una sola opzione: arrivare alla città di Cusco, che ha un aeroporto, e da lì prendere un treno che in qualche ora arriva a una cittadina turistica. Da lì i più volenterosi fanno una camminata in salita di circa un’ora e mezza verso l’ingresso di Machu Picchu; gli altri ci arrivano in pullman.

(AP Photo/Martin Mejia, File)

Il nuovo aeroporto dovrebbe essere costruito (per ora sono solo in corso i lavori preliminari) a Chinchero, una città a trenta chilometri da Cusco, appena prima dell’inizio della Valle Sacra. Chinchero si trova a diverse decine di chilometri da Machu Picchu perché è praticamente impossibile costruirne uno più vicino (non c’è nemmeno una strada che da Cusco arrivi fino a Machu Picchu), ma ne diventerebbe l’aeroporto di riferimento, capace di accogliere più aerei, e più grandi, di quello di Cusco, che ha solo una pista. Nell’aeroporto di Cusco ora arrivano soprattutto voli provenienti da Lima, la capitale peruviana, e da La Paz, la più grande città della Bolivia. Nel nuovo aeroporto di Chinchero arriverebbero voli da tutta l’America Latina e anche dagli Stati Uniti.

Oltre a questi problemi, c’è anche chi sostiene che la costruzione stessa dell’aeroporto di Chinchero e delle infrastrutture collegate creerebbe problemi nella vicina città di Ollantaytambo, anch’essa sede di un visitato sito storico, e rischierebbe di compromettere la qualità dell’acqua del lago Piuray, che rifornisce acqua a tutta la regione.

Chi è a favore della costruzione dell’aeroporto dice che è necessario perché Cusco, una città di circa 300mila abitanti, ormai fatica a reggere i flussi di turisti che vi transitano, in molti casi solo per andare a Machu Picchu e poi ripartire. Carlos Oliva, ministro peruviano delle Finanze, ha detto: «Questo aeroporto sarà costruito appena possibile, perché è indispensabile per la città di Cusco». Il presidente peruviano Martín Vizcarra ha detto di aspettarsi che l’aeroporto sia ultimato entro il 2023.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.