• Mondo
  • domenica 18 agosto 2019

In Bangladesh circa 3mila persone sono rimaste senza casa dopo un grosso incendio in una baraccopoli

Circa 3mila persone sono rimaste senza casa a Dacca, in Bangladesh, dopo che un grosso incendio ha distrutto gran parte di una baraccopoli nella periferia settentrionale della città, venerdì sera. I vigili del fuoco hanno impiegato tre ore per riuscire a spegnere l’incendio. Nessuno è morto, hanno detto le autorità, perché la maggior parte degli abitanti della baraccopoli si trovavano altrove per i festeggiamenti di Eid al Adha, una festa musulmana. Non si sa ancora cos’abbia provocato le fiamme.

Il governo ha detto che per il momento darà 500 tonnellate di riso e l’equivalente di circa 14mila euro alle persone colpite dall’incendio. Gli incendi di fabbriche, mercati e baraccopoli sono frequenti in Bangladesh, dove migliaia di persone vivono in condizioni di estrema povertà e in pessime condizioni di sicurezza. A febbraio ce n’era stato uno in una baraccopoli di Chittagong, la seconda città del paese, in cui erano morte 8 persone.

 

L'incendio in una baraccopoli di Dacca, in Bangladesh, il 16 agosto 2019 (AP Photo/Mahmud Hossain Opu)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.