• Mondo
  • giovedì 15 agosto 2019

Barcellona vuole ridurre il numero dei risciò in città

Il comune di Barcellona ha annunciato una drastica riduzione del numero di risciò in città, dopo un aumento notevole registrato negli ultimi anni. Il vicesindaco Jaume Collboni ha detto: «Barcellona non è Bombay. Abbiamo le ciclabili che sono per i ciclisti, i marciapiedi per i pedoni e aspiriamo a essere un modello di turismo rispettoso e di qualità». Secondo il governo locale, i risciò – circa 2mila, in gran parte guidati da persone senza licenza – non contribuiscono alla mobilità cittadina, perché sono essenzialmente diretti ai turisti. Inoltre, come è successo con i monopattini elettrici, non sono regolati in maniera specifica e rimangono in una sorta di zona grigia.

Il comune di Barcellona ha annunciato di avere già iniziato a prendere provvedimenti: Collboni ha detto che a luglio sono stati confiscati 122 risciò, il doppio di quelli confiscati a giugno.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.