Nadia Toffa durante la presentazione del libro "Mi vivi dentro", scritto dal giornalista Alessandro Milan, presso il teatro Dal Verme, Milano, 26 febbraio 2018. (ANSA/MATTEO BAZZI)

La morte di Nadia Toffa

La nota conduttrice delle Iene aveva 40 anni ed era malata di cancro

Nadia Toffa durante la presentazione del libro "Mi vivi dentro", scritto dal giornalista Alessandro Milan, presso il teatro Dal Verme, Milano, 26 febbraio 2018. (ANSA/MATTEO BAZZI)

È morta Nadia Toffa, conduttrice televisiva nota soprattutto per il suo lavoro alle Iene, famoso programma di Italia 1, che ha dato per primo la notizia. Toffa, che aveva 40 anni, era malata da tempo: nel dicembre del 2017 era stata ricoverata d’urgenza dopo essersi sentita male in una camera d’albergo, e a febbraio del 2018 aveva raccontato di avere avuto un tumore.

«In questi mesi mi sono curata: prima ho fatto l’intervento, poi la chemioterapia e la radioterapia», aveva spiegato Nadia Toffa. «L’intervento ha tolto interamente il tumore, ma poteva esserci una piccola cellula rimasta e quindi ho seguito i consigli del medico e ho seguito le cure previste. Ora è tutto finito: il 6 febbraio ho finito la radio e la chemio». Successivamente Toffa era tornata a condurre le Iene, ma a ottobre del 2018 aveva raccontato in tv di aver avuto una ricaduta e di essere stata operata di nuovo.

Nadia Toffa, che era nata a Brescia, aveva iniziato a lavorare in televisione nel 2002, quando aveva 23 anni, per alcune emittenti locali della Lombardia. Nel 2009 aveva iniziato a lavorare per le Iene, innanzitutto come inviata. Nel 2014 era uscito un suo libro, Quando il gioco si fa duro, sulle dipendenze dai giochi d’azzardo; nel 2015 aveva vinto il Premio Ischia per il giornalismo televisivo. Dal 2016 era una conduttrice delle Iene. A gennaio del 2019 era stata nominata cittadina onoraria di Taranto, dopo che si era occupata a lungo dell’ILVA e dell’inquinamento in città.

E forse ora qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, NON PERDE MAI.Hai combattuto a testa…

Gepostet von Le Iene am Montag, 12. August 2019

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.