• Mondo
  • mercoledì 7 agosto 2019

La polizia canadese ha trovato diversi oggetti collegati ai due giovani fuggitivi accusati di triplice omicidio

La polizia canadese ha detto di aver trovato diversi oggetti collegati a Kam McLeod e Bryer Schmegelsky, i due giovani accusati di triplice omicidio in fuga da oltre due settimane che si sospetta si stiano nascondendo in una remota area boschiva dello stato di Manitoba. La polizia non ha detto nel dettaglio che cosa ha trovato, ma sappiamo che domenica era stata individuata una barca a remi abbandonata dai due fuggitivi sulla riva di un fiume.

I due sono accusati di aver ucciso una coppia di turisti australiani e un professore universitario canadese. Non ci sono ipotesi concrete per il movente, ma si sa che avevano lasciato la loro città d’origine settimane fa per trovare lavoro nello Yukon, abbandonando però in fretta il progetto. Dopo gli omicidi, e dopo che i due erano stati identificati, è cominciata una estesa ricerca che ha individuato i due sospettati a centinaia di chilometri di distanza, in un’area quasi disabitata e dove è piuttosto difficile sopravvivere. Nonostante le ricerche con aerei, elicotteri e squadre di agenti, i due non sono ancora stati trovati.

(Royal Canada Mounted Police)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.