La società di pagamenti digitali Nexi ha smentito che il suo database sia stato violato

La società italiana di pagamenti digitali Nexi ha smentito che il database dei suoi clienti sia stato violato, dopo che sul sito Pastebin – un deposito di file di testo aperto a tutti – era stato pubblicato nella notte un elenco di 18mila nomi e dettagli personali indicati come quelli di clienti di Nexi. Nexi, che è quotata in borsa dallo scorso aprile e gestisce i dati di più di 40 milioni di carte di credito in Italia, ha detto che non c’è stata alcuna violazione e che i nomi contenuti nell’elenco pubblicato su Pastebin non corrispondono a quelli di suoi clienti. L’elenco di informazioni, ora rimosso, era preceduto da un messaggio indirizzato al CEO di Nexi e ad altri due dirigenti della società. Repubblica dice che circola il sospetto che l’operazione sia stata organizzata per danneggiare Nexi.

TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.