• Mondo
  • martedì 30 luglio 2019

La moglie dell’emiro di Dubai ha presentato a Londra una richiesta per evitare che uno dei suoi figli sia costretto a sposarsi contro la sua volontà

La principessa Haya bint al Hussein, figlia 45enne dell’ex re di Giordania Husayn e moglie dell’emiro di Dubai Mohammed bin Rashid al Maktoumha, ha presentato a Londra una richiesta di protezione per evitare che uno dei suoi figli sia costretto a un matrimonio forzato. La principessa Haya si è rivolta all’Alta corte di giustizia d’Inghilterra e Galles, un tribunale superiore dell’ordinamento britannico. Gli Emirati Arabi Uniti, lo stato che comprende Dubai e di cui lo sceicco Mohammed è primo ministro dal 2006, non ha voluto commentare la vicenda. Il New York Times scrive che la principessa Haya era scappata a Londra diversi mesi fa e che con lei si sono spostate anche la figlia di 11 anni e il figlio di 7, dei quali ha chiesto la custodia.

Lo sceicco Mohammed ha 70 anni, ed è sposato con la principessa Haya – campionessa olimpica di equitazione – dal 2004, in quello che si ritiene essere il suo sesto matrimonio. È uno dei leader arabi più in vista e ha oltre 20 figli, avuti da mogli diverse. L’anno scorso Amnesty International aveva sostenuto che una delle figlie dell’emiro – Sheikha Latifa, avuta da un altro matrimonio – era tenuta prigioniera dopo essere stata catturata in un tentativo di fuga in barca. Il governo degli Emirati Arabi Uniti aveva smentito la ricostruzione.

La principessa Haya Bint al Hussein lascia l'Alta corte di giustizia di Londra. (AP Photo/Kirsty Wigglesworth)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.