(ANSA/CARLO FERRAROANSA)
  • Italia
  • lunedì 29 luglio 2019

Domenica 4 e lunedì 5 agosto ci sarà uno sciopero del personale delle autostrade

Si articolerà in diverse fasi nel corso delle due giornate e potrà riguardare il personale dei caselli e altri dipendenti di Autostrade

(ANSA/CARLO FERRAROANSA)

I sindacati FILT Cgil (Federazione Italiana Lavoratori Trasporti), FIT Cisl (Federazione Italiana Trasporti), Uiltrasporti, UGL Trasporti e Cisal (Confederazione italiana sindacati autonomi lavoratori) hanno proclamato uno sciopero del personale delle autostrade per domenica 4 e per lunedì 5 agosto, «a seguito dello stato di agitazione, proclamato per la fase critica che sta caratterizzando la trattativa, che riprenderà martedì 30, per il rinnovo del contratto nazionale di settore».

Domenica 4 e lunedì 5 agosto saranno giornate di traffico molto intenso sulle autostrade, a causa degli spostamenti da e verso i luoghi di villeggiatura di tantissimi italiani; lo sciopero potrebbe peggiorare ulteriormente le cose. Lo sciopero si articolerà in diverse fasi nel corso delle due giornate: durerà domenica 4 dalle 10 alle 14 e dalle 18 alle 2 di lunedì 5. Potranno aderire allo sciopero i dipendenti di Autostrade per l’Italia che lavorano ai caselli e i turnisti (addetti agli impianti, alla sala radio e alla viabilità) non sottoposti alla legge 146/90 che regola il diritto di sciopero per i lavoratori del trasporto pubblico.

I sindacati specificano anche che il personale impiegato con turni sfalsati e spezzati potrà scioperare nelle ultime 4 ore della propria prestazione lavorativa, mentre il personale tecnico e amministrativo si potrà fermare nelle prime 4 ore del proprio turno di lunedì 5 agosto. Già il 24 luglio, in occasione dello sciopero nazionale dei trasporti, alcuni lavoratori delle autostrade avevano aderito allo sciopero: in quel caso, però, era durato solo quattro ore.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.