• Italia
  • giovedì 18 luglio 2019

Roma si candiderà per organizzare gli Europei di nuoto del 2022

La sindaca di Roma Virginia Raggi ha annunciato che la città si candiderà a organizzare i campionati Europei di nuoto del 2022. La giunta del comune di Roma ha approvato un documento, presentato dalla sindaca, in cui si riconosce l’importanza dell’evento che «risponde alla triplice esigenza di riportare in Italia una manifestazione internazionale di elevato pregio sportivo, di utilizzare e valorizzare l’impiantistica esistente e, soprattutto, di promuovere ulteriormente le discipline natatorie e la cultura dell’acqua». Nel documento si specifica inoltre che «allo stato non sono previste spese per il potenziamento e la ristrutturazione di impianti natatori esistenti, che potranno nel caso trovare capienza negli specifici programmi previsti anche dal Governo in ambito di impiantistica sportiva».

Roma ha già ospitato i Mondiali di nuoto nel 2009, un’edizione ricordata soprattutto per i ritardi nella costruzione degli impianti, per l’aumento dei costi inizialmente preventivati e le inchieste giudiziarie che ne seguirono. A proposito di quell’edizione si cita spesso il grande complesso sportivo cha avrebbe dovuto essere costruito nel quartiere di Tor Vergata, il cui progetto era stato affidato al famoso architetto Santiago Calatrava. La costruzione del complesso cominciò nel 2005 ma non fu mai ultimata, e tutte le gare di quell’edizione si dovettero svolgere negli impianti del Foro Italico.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.