• Italia
  • giovedì 11 luglio 2019

Le foto dei danni del brutto tempo tra Marche e Abruzzo

I problemi più gravi sono stati a Pescara, dove molte persone sono state ferite dalla grandine e ci sono stati grossi allagamenti

Il parcheggio dell'ospedale di Pescara, allagato (ANSA / LORENZO DOLCE)

Mercoledì a Pescara 18 persone hanno avuto bisogno di ricevere cure al pronto soccorso per le ferite causate da una grandinata particolarmente violenta, con pezzi di ghiaccio grandi quanto palline da tennis. Sui social network circolano foto di parabrezza d’auto frantumati dalla grandine, mentre la pioggia ha causato allagamenti in diverse parti del centro città. Nel parcheggio dell’ospedale 20 auto sono rimaste completamente sommerse dall’acqua e i sommozzatori dei Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire per verificare che nessuno fosse rimasto intrappolato; al porto, dice Repubblica, ci sono stati danni ai pescherecci e ad altre barche, mentre il Centro racconta di ferimenti causati dalla grandine anche in altri comuni del litorale abruzzese, fino a Vasto, in provincia di Chieti.

I Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire anche nelle Marche, per allagamenti e per liberare la strada dai molti alberi caduti per i temporali e il vento tra martedì e mercoledì. Si parla di danni molto gravi agli impianti balneari sulle spiagge della zona e ad alcune strutture dell’ospedale. I giornali parlano di danni meno gravi, o semplicemente di disagi, in diverse altre parti d’Italia colpite ieri da piogge e temporali. Per oggi è previsto tempo buono in tutta Italia, mentre potrebbero esserci nuovi peggioramenti a partire da venerdì sera.

Il video della grandinata di mercoledì a Pescara:

Una strada allagata a Pescara:

A Milano Marittima, in Emilia-Romagna, decine di alberi di una pineta vicino al mare sono caduti mercoledì mattina a causa di una tromba d’aria, durata poco più di 10 minuti e che ha colpito un’area di circa un chilometro quadrato. Ci sono stati danni soprattuto ad auto e moto parcheggiate vicino alla pineta e una donna è stata lievemente ferita e medicata in pronto soccorso.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.