• Italia
  • mercoledì 10 luglio 2019

Lo sciopero del trasporto pubblico di Milano, giovedì 11 luglio

Durerà dalle 8.45 alle 15 e poi dalle 18 fino al termine del servizio: ma negli ultimi anni l'adesione a questi scioperi è stata molto bassa

(Claudio Furlan/LaPresse)

Domani, giovedì 11 luglio, ci sarà uno sciopero dei trasporti di 24 ore a Milano, proclamato dal sindacato CUB Trasporti (Confederazione Unitaria di Base). Lo sciopero riguarderà tutti i dipendenti di ATM, l’azienda dei trasporti milanese, ed è stato indetto per protestare contro alcune cose e per richiederne altre: «Contro la liberalizzazione, la privatizzazione, e la finanziarizzazione del TPL milanese e dell’hinterland; contro le gare d’appalto dei servizi attualmente gestiti del Gruppo ATM e per la reinternalizzazione dei servizi ceduti in appalto e/o sub-appalto anche complementari al trasporto; contro la quotazione in borsa e la vendita delle azioni del Gruppo Atm; per l’affidamento diretto in house dei servizi gestiti dal Gruppo Atm; per l’affidamento diretto al Gruppo Atm dei servizi di TPL della Città Metropolitana Milanese».

Anche se è stato comunicato che lo sciopero durerà 24 ore, gli orari in cui il servizio è a rischio saranno limitati: dalle 8.45 alle 15, e poi dalle 18 fino al termine del servizio. Lo sciopero riguarderà anche i lavoratori della linea NET (Nord Est Trasporti) di Monza: per loro durerà dalle 9 alle 11.50 e dalle 14.50 al termine del servizio, mentre per il servizio extraurbano durerà dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio. Inoltre potrà scioperare anche il personale della funicolare di Como-Brunate: in questo caso i lavoratori potranno scioperare dalle 8.30 alle 16.30 e dalle 19.30 al termine del servizio.

Durante gli ultimi scioperi proclamati dai sindacati del personale di ATM, l’adesione è stata piuttosto bassa: il 17 maggio allo sciopero indetto da USB Lavoro Privato ha aderito solo l’8 per cento dei lavoratori, mentre l’8 marzo allo sciopero proclamato da CUB Trasporti, USB e SGB l’adesione è stata solo del 17 per cento. L’ultima volta che uno sciopero di ATM aveva raccolto più del 50 per cento delle adesioni era stato il 5 aprile del 2017.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.