• Italia
  • lunedì 8 luglio 2019

La barca a vela Alex è stata confiscata dalla Guardia di Finanza dopo la notifica di una seconda violazione del “decreto sicurezza bis”

La Guardia di Finanza ha notificato al comandante e all’armatore della barca da vela Alex una seconda violazione del “decreto sicurezza bis” riguardo al divieto di entrare in acque territoriali e, come prevede il decreto in caso di “ripetuta non ottemperanza”, ha sequestrato la barca. Secondo la Guardia di Finanza, infatti, quando la Alex – gestita dall’associazione italiana Mediterranea – era entrata in acque territoriali italiane per raggiungere il porto di Lampedusa sabato scorso non lo aveva fatto per la prima volta: alcune ore prima lo aveva già fatto, brevemente, prima di tornare in acque internazionali. Questa nuova contestazione farebbe crescere a 65mila euro la multa per comandante e armatore della Alex, Tommaso Stella e Beppe Caccia.

Mediterranea, che ha dato notizia su Twitter di questa nuova contestazione, ha spiegato di ritenere ingiusta e pretestuosa la nuova contestazione ricevuta. Repubblica scrive che il primo sconfinamento del limite delle acque territoriali sarebbe avvenuto a causa delle “correnti marine” e di un malfunzionamento degli strumenti di bordo.  Stella e Caccia dovranno ora presentarsi dal prefetto di Agrigento per difendersi dalle accuse.

La barca a vela Alex dell'organizzazione Mediterranea. (Mediterranea)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.