• Italia
  • lunedì 8 luglio 2019

I 65 migranti sulla nave Alan Kurdi sono sbarcati a Malta

Erano stati salvati venerdì a largo della Libia e saranno trasferiti in altri paesi dell'Unione Europea

I 65 migranti che da venerdì si trovavano a bordo della nave Alan Kurdi, gestita dalla ong tedesca Sea Eye, sono sbarcati a Malta dopo aver ricevuto l’autorizzazione dal governo del paese. La Alan Kurdi era rimasta per un giorno a largo di Lampedusa dopo aver effettuato un salvataggio nei pressi della Libia, ma l’Italia si era rifiutata di farla entrare nelle sue acque territoriali. Sabato sera, allora, la Alan Kurdi aveva fatto rotta verso Malta, spiegando di non voler aspettare che la situazione dei migranti a bordo si facesse troppo grave: le autorità maltesi avevano inizialmente negato l’ingresso nelle acque territoriali, ma hanno poi accettato di accogliere temporaneamente i migranti a bordo. Dopo essere stati trasbordati su navi militari maltesi, i migranti sono arrivati in porto poco dopo le 21 di domenica e la Alan Kurdi è ripartita.

Il primo ministro maltese Joseph Muscat ha scritto su Twitter che la decisione di far sbarcare i migranti è stata presa dopo una conversazione con le autorità tedesche ed europee. Ha aggiunto che i migranti saranno trasferiti verso altri paesi dell’Unione Europea.

(EPA/CATI CALDERA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.