• Media
  • venerdì 5 luglio 2019

Mad Magazine chiude, di fatto

La famosissima rivista umoristica statunitense non uscirà più regolarmente in edicola, ma solo con degli speciali di fine anno

Mad Magazine, una delle riviste umoristiche più famose degli Stati Uniti, uscita per la prima volta nel 1952, non verrà più pubblicata regolarmente e distribuita in edicola a partire dal prossimo autunno. La testata non cesserà completamente di esistere: il suo editore DC Comics ha detto che continueranno a uscire numeri speciali alla fine dell’anno e altre raccolte di classici, che saranno però venduti solo nei negozi di fumetti o inviati per posta agli abbonati. Mad Magazine era considerata una sorta di istituzione del panorama editoriale statunitense: il giornale era diventato famoso grazie alla propria capacità di fare satira sulla politica, le figure pubbliche e la cultura statunitensi. Finire con una caricatura sulla copertina della rivista equivaleva in un certo senso a conquistare la copertina di una rivista come Time ed era un privilegio per pochi, toccato negli anni a personaggi come Barack Obama e Richard Nixon.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.