• Italia
  • mercoledì 3 luglio 2019

Carola Rackete non potrà lasciare l’Italia fino al 9 luglio, ha deciso la procura di Agrigento

La procura di Agrigento ha negato il nulla osta al provvedimento di espulsione per Carola Rackete emesso martedì dalla prefettura. La procura ha deciso che Rackete, la comandante della Sea Watch 3, non potrà lasciare l’Italia fino a che non sarà interrogata il 9 luglio. Il provvedimento di espulsione era stato promesso dal ministro dell’Interno Matteo Salvini: deve ancora essere approvato dal Tribunale di Palermo, spiega il Fatto Quotidiano, ma anche se dovesse esserlo non sarebbe eseguibile almeno fino al 9 luglio.

Rackete era stata arrestata dopo aver violato gli ordini delle autorità italiane e aver portato la Sea Watch 3 nel porto di Lampedusa sabato mattina, per fare sbarcare i 40 migranti che erano a bordo della nave da più di due settimane. Il suo arresto non era però stato convalidato dalla GIP di Agrigento.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.