• Mondo
  • lunedì 1 Luglio 2019

L’Iran ha superato il limite di riserve di uranio arricchito previsto dall’accordo sul nucleare del 2015

L’Iran ha superato il limite di riserve di uranio arricchito previsto dall’accordo internazionale che aveva sottoscritto nel 2015. La notizia è stata data dal ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif e confermata dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica, i cui ispettori hanno detto di aver verificato che le scorte di uranio arricchito al 3,67 per cento hanno superato il limite di 300 kg previsto dall’accordo. L’uranio arricchito al 3,67 per cento è quello che di solito si usa come combustibile nelle centrali nucleari: il fatto che il limite delle scorte sia stato superato non significa che l’Iran potrà a breve avere un’arma atomica.

Il superamento del limite va interpretato nell’ambito delle trattative che sono in corso tra l’Iran e l’Unione Europea affinché vengano implementate delle misure che permettano all’Iran di continuare a commerciare con i grandi paesi occidentali aggirando le nuove sanzioni imposte dagli Stati Uniti, che per volere del presidente Donald Trump hanno abbandonato l’accordo sul nucleare iraniano del 2015.

Per saperne di più, potete leggere questo articolo ??

Le minacce dell’Iran sull’uranio arricchito, spiegate

Il presidente dell'Iran Hassan Rouhani durante una visita alla centrale nucleare di Bushehr, il 13 gennaio 2015 (AP Photo/Ufficio stampa della presidenza dell'Iran, Mohammad Berno)