• Italia
  • martedì 25 giugno 2019

Sono state depositate le motivazioni della sentenza di assoluzione per Pasquale Longarini, ex procuratore capo di Aosta

Il 24 giugno sono state depositate le motivazioni della sentenza di assoluzione per Pasquale Longarini, ex procuratore capo di Aosta, che a gennaio era stato arrestato con l’accusa di induzione indebita a dare o promettere utilità. La sentenza di assoluzione, le cui motivazioni sono state depositate ieri, era stata emessa il 9 aprile dal giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Milano. Oltre a Longarini erano stati assolti anche l’imprenditore Gerardo Cuomo e l’albergatore Sergio Barathier. Longarini era accusato di aver chiamato Barathier, allora sotto inchiesta presso la sua procura, per invitarlo a rifornirsi di prodotti del caseificio di cui era titolare Cuomo. Le motivazioni della sentenza parlano, nel caso di Longarini, solo di una «generica superficialità» e non «di volontà di compiere un atto inappropriato». Ora Longarini è giudice civile al tribunale di Imperia, scrive La Stampa.

Pasquale Longarini (ANSA foto)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.