• Italia
  • venerdì 21 Giugno 2019

L’azienda del trasporto pubblico di Roma restituirà i 70 autobus noleggiati da Tel Aviv e mai utilizzati

ATAC, l’azienda che gestisce il trasporto pubblico a Roma, ha fatto sapere che restituirà 70 pullman che aveva noleggiato da Tel Aviv, in Israele, per rinfoltire il numero di mezzi a propria disposizione. Secondo diversi quotidiani, ATAC si sarebbe accorta troppo tardi che le regole europee non consentono di immatricolare mezzi con standard di emissioni inquinanti Euro 5 che provengono da un paese extracomunitario (il minimo consentito è Euro 6).

Repubblica scrive che ATAC ha quindi deciso di «rescindere il contratto», «dopo aver comunque già versato ai fornitori un anticipo pari al 16 per cento dell’importo totale (il costo per il nolo, manutenzione compresa, è di circa 500mila euro al mese)».

Nel pomeriggio, ATAC ha fatto sapere con una nota che «sono state adottate per tempo tutte le misure idonee necessarie per garantirsi da eventuali danni», anche se non è chiaro se l’azienda si riferisca all’anticipo già versato oppure ad eventuali cause che potrebbe avanzare l’azienda noleggiatrice.

(ANSA/MASSIMO PERCOSSI)