• Mondo
  • giovedì 20 giugno 2019

Diversi politici tedeschi hanno ricevuto minacce di morte per le loro posizioni a favore dei rifugiati

Negli ultimi giorni diversi politici tedeschi hanno ricevuto minacce di morte per aver preso posizione a favore dei migranti e dei rifugiati. Le minacce sono arrivate via email e dicono che l’omicidio Walter Lübcke – il politico della CDU ucciso a inizio giugno – è stato solo il primo di una serie. Le email parlano di “future epurazioni” e contengono minacce anche nei confronti dei rifugiati stessi, degli ebrei e di alcune altre organizzazioni. Tra le persone che hanno detto di aver ricevuto minacce via email c’è anche Henriette Reker, la sindaca di Colonia che nel 2015 fu vittima di un accoltellamento.

Dopo l’omicidio di Lübcke la polizia ha fermato un uomo, Stephan Ernst, ritenuto vicino all’estrema destra e con precedenti per attacchi con motivazioni politiche. Le mail di questi ultimi giorni sembrano essere mandate dallo stesso gruppo che già in passato aveva mandato minacce simili a diverse persone e organizzazioni.

Federico Gambarini/picture-alliance/dpa/AP Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.