• Mondo
  • lunedì 10 giugno 2019

I dieci candidati a succedere a Theresa May come primo ministro del Regno Unito

Il comitato 1922, l’organismo interno del gruppo parlamentare del Partito Conservatore britannico incaricato dell’elezione del leader, ha annunciato la lista dei dieci candidati alla successione della dimissionaria Theresa May come leader del partito e quindi anche come nuovo primo ministro (nel Regno Unito il capo del partito di maggioranza diventa automaticamente primo ministro). Si tratta di Michael Gove, Matt Hancock, Mark Harper, Jeremy Hunt, Sajid Javid, Boris Johnson, Andrea Leadsom, Esther McVey, Dominic Raab e Rory Stewart. Poco prima della pubblicazione della lista si era ritirato Sam Gimah, l’unico candidato che aveva proposto un secondo referendum su Brexit, che in un comunicato aveva detto di non essere riuscito a trovare il sostegno di almeno otto parlamentari, il numero minimo per presentare una candidatura.

Il voto del nuovo leader dei Conservatori si divide in due fasi: nella prima i parlamentari Conservatori terranno una serie di voti sui candidati, eliminando ogni volta quello che avrà ricevuto meno voti; nella seconda, quando saranno rimasti soltanto due candidati, la scelta sarà lasciata ai 124mila iscritti al partito, che indicheranno la loro preferenza per posta. Si stima che la procedura sarà completata entro la metà di luglio e che il nuovo primo ministro riuscirà ad entrare in carica prima della pausa estiva del parlamento, prevista per la fine del mese.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.