• Mondo
  • mercoledì 5 giugno 2019

In Sudan le opposizioni dicono che sono stati recuperati nel Nilo i corpi di 40 manifestanti uccisi dai militari

In Sudan le opposizioni hanno detto che sono stati recuperati nel Nilo una quarantina di corpi di manifestanti uccisi dai militari negli ultimi due giorni. Mercoledì il bilancio dei civili morti negli scontri si è aggravato: l’organizzazione di medici vicina alle opposizioni ha parlato di un centinaio di persone uccise. Diversi testimoni hanno detto a BBC che le violenze a Karthoum, la capitale del Sudan, sono state commesse dalle Forze di supporto rapido, un’unità paramilitare che si fece conoscere durante il conflitto del Darfur nel 2003. Il Consiglio di transizione, organo formato da militari che detiene il potere dalla destituzione dell’ex presidente Omar al Bashir, ha detto che indagherà su quanto successo.

(AP Photo)
TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.