La Corte di Cassazione ha confermarto l’assoluzione per Nicola Cosentino nel processo “Carburanti”

La Corte di Cassazione ha confermato l’assoluzione in via definitiva per l’ex parlamentare del centrodestra Nicola Cosentino nel cosiddetto processo “Carburanti”. Cosentino e i suoi fratelli, Giovanni e Antonio, erano accusati a vario titolo di illecita concorrenza ed estorsione, con l’aggravante mafiosa. La tesi dell’accusa era che la ditta Aversana Petroli, fondata dal padre di Cosentino, fosse stata avvantaggiata illecitamente ai danni della società di un altro imprenditore, Luigi Gallo; e che Cosentino avesse fatto in modo che i tecnici del comune di Villa di Briano negassero a Gallo l’autorizzazione per aprire un nuovo distributore di benzina.
Cosentino era stato condannato in primo grado a 7 anni e 6 mesi, mentre i suoi fratelli, Giovanni e Antonio, anche loro coinvolti nell’inchiesta, erano stati condannati rispettivamente a 9 anni e 6 mesi e 5 anni e 4 mesi. Lo scorso settembre la Corte d’appello di Napoli aveva assolto tutti gli imputati, e Gallo era stato indagato per calunnia. La Cassazione oggi ha confermato la sentenza d’appello.

Cosentino, che è stato parlamentare per quattro legislature consecutive, dal 1996 al 2013, è stato condannato l’ultima volta nel 2016 in via definitiva a 4 anni per la corruzione di un agente del carcere di Secondigliano dove era detenuto. Al momento a suo carico ci sono altre due condanne di primo grado: una a 9 anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa, e una 5 anni per tentato reimpiego di capitali illeciti con l’aggravante mafiosa.

(ANSA/CESARE ABBATE)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.