• Sport
  • lunedì 3 giugno 2019

C’è stata una grossa sorpresa nella boxe

Il nuovo campione dei pesi massimi è uno che a guardarlo non si sarebbe detto, e ha battuto il predestinato

Andy Ruiz Jr. colpisce un Anthony Joshua in difficoltà nell'incontro valido per il titolo mondiale dei pesi massimi al Madison Square Garden di New York (Al Bello/Getty Images)

Nella notte tra sabato e domenica, al Madison Square Garden di New York, il mondo del pugilato ha assistito a uno dei risultati più sorprendenti della sua storia recente, da molti paragonato alla vittoria di Buster Douglas contro Mike Tyson del 1990. Il campione inglese dei pesi massimi Anthony Joshua, detentore dei titoli di quattro delle cinque maggiori federazioni internazionali (IBF, IBO, WBA e WBO), è stato battuto per KO tecnico al settimo round da uno sfidante a cui nessuno dava neanche una minima possibilità, lo sconosciuto e paffuto statunitense di origini messicane Andy Ruiz Jr.

Anthony Joshua al tappeto nel terzo round (Al Bello/Getty Images)

Joshua era arrivato a New York da nuova immagine del pugilato moderno. Un adone inglese di 29 anni con un fisico perfetto: 1 metro e 98 centimetri di altezza per 113 chili di muscoli, sostenuti da una corporatura longilinea e proporzionata. Di origini nigeriane, moderatamente religioso e padre di una bambina, è un ex muratore “salvato” dalla boxe dopo una condanna per rissa ricevuta una decina di anni fa. Nel 2012 terminò la carriera fra i dilettanti con un oro olimpico a Londra. L’anno successivo iniziò a combattere da professionista, dove divenne fin da subito una “macchina da KO”. Fino a sabato scorso, la sua carriera professionistica diceva 22 incontri disputati e 22 vittorie, 21 delle quali finite con l’avversario al tappeto. Dall’incontro del 2017 con il vecchio campione ucraino Wladimir Klitschko – sconfitto allo stadio Wembley di Londra davanti a 90.000 spettatori – la sua popolarità in Europa era cresciuta moltissimo.

Joshua con l’onorificenza da Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico ricevuta a Buckingham Palace lo scorso dicembre (WPA Pool/Getty Images)

A questo punto della carriera, per Joshua la consacrazione negli Stati Uniti era considerata una tappa obbligatoria. L’incontro del Madison Square Garden era stato organizzato proprio per accrescerne la popolarità in Nord America in vista di un successivo match contro il miglior pugile statunitense in attività, Deontay Wilder, campione del mondo WBC. Inizialmente Joshua avrebbe dovuto sfidare l’americano Jarrell Miller, un trashtalker con 23 vittorie e un pareggio in 24 incontri disputati. Ma poco più di un mese fa Miller è stato trovato positivo a tre sostanze dopanti, perdendo quindi la possibilità di affrontare Joshua a New York. Al suo posto si era fatto avanti Andy Ruiz Jr., che aveva trovato i pareri positivi degli organizzatori e dell’entourage di Joshua dopo che questi avevano ricevuto il rifiuto del cubano Luis Ortiz.

Andy Ruiz Jr. ha 29 anni ed è nato e cresciuto in California in una famiglia di immigrati messicani. Per raddrizzarne l’indole violenta, da ragazzo fu introdotto nel mondo del pugilato, in cui riuscì a incanalare con successo la sua aggressività. Allenato dal cubano Fernando Ferrer, da dilettante totalizzò 105 vittorie a fronte di sole 5 sconfitte, dimostrandosi capace di perseguire una buona carriera anche a un livello superiore. Il suo primo incontro da professionista lo tenne nel 2009: negli ultimi dieci anni ha combattuto in 34 match vincendone 33.

Andy Ruiz Jr. parla alla stampa prima dell’incontro combattuto lo scorso 18 aprile contro Alexander Dimitrenko (Yong Teck Lim/Getty Images)

Ruiz Jr. è esattamente l’opposto di Joshua. Soprattutto, è alto dieci centimetri in meno ma il peso è lo stesso. È grassoccio insomma, e per quanto si possa allenare rimarrà così, dopo anni di pasti consumati ai fast food (per sua stessa ammissione) e abitudini alimentari non propriamente da campione del mondo dei pesi massimi (è solito mangiare almeno uno Snickers prima di combattere). Quando combatte arrossisce dalla fatica, sul ring può risultare impacciato e buffo, ma è estremamente efficace e adora mandare al tappeto “sbruffoni muscolosi con gli addominali scolpiti”.

Quello che ha portato Ruiz Jr. a diventare un pugile professionista di tutto rispetto, anche prima di sconfiggere Joshua, è l’abilità nel boxare. È infatti un pugile estremamente tecnico che conosce ed esegue bene tutti i movimenti fondamentali della disciplina, dalla difesa all’attacco. Il fatto di essere circa dieci centimetri più basso della media dei pesi massimi lo aiuta a neutralizzare gli attacchi avversari, schivandoli. Ruiz Jr. non ha un colpo da KO, ne ha tanti: colpendo ripetutamente sia sopra la cintura che alla testa finisce per stordire chi ha davanti.

Ci sono poi le sue caratteristiche personali, che lo rendono probabilmente unico. Ha uno stile molto aggressivo e, come ha detto di recente uno dei suoi preparatori, «Andy è il tipo di pugile che una volta sul ring, se lo colpisci in faccia, diventa un diavolo». Ed è esattamente ciò che è successo al Madison Square Garden sabato notte, quando alla terza ripresa, dopo essere andato al tappeto per la prima volta e aver ricevuto altri potenti pugni in faccia, Ruiz Jr. ha iniziato ad attaccare Joshua quando tutti invece si aspettavano che l’inglese fosse vicino a chiudere l’incontro (probabilmente anche lui).

 

Nel terzo round Joshua è andato al tappeto due volte ma è stato salvato dalla campanella, come si dice. L’inglese è rimasto in balia dell’aggressività di Ruiz Jr. fino al settimo round, ricevendo una quantità impressionante di pugni. Joshua è andato a terra altre due volte, e all’ultima ha sputato il paradenti per guadagnare qualche secondo. Una volta tornato all’angolo, però, non ha risposto agli inviti dell’arbitro, che ha quindi decretato la fine dell’incontro e la vittoria per KO tecnico di Ruiz Jr., il primo campione mondiale dei pesi massimi messicano e probabilmente il più inaspettato.

Joshua ha pagato un approccio sbagliato all’incontro, probabilmente preso sottogamba senza la giusta mentalità. A New York tutti si aspettavano una vittoria convincente che allontanasse i dubbi legati a una certa inconsistenza che ancora circolavano sul suo conto, e che continueranno a esserci. I due pugili si incontreranno a breve in una rivincita prevista dal contratto firmato un mese fa. La sconfitta però ha inevitabilmente intaccato l’immagine di Joshua, oltre che l’andamento di tutto il pugilato internazionale. Il match contro Ruiz Jr. doveva essere soltanto una tappa di avvicendamento a quello ritenuto molto più rilevante contro Deontay Wilder, dove in ballo ci sarebbe stata la riunificazione dei titoli mondiali.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.