Il cantante Marco Carta era stato arrestato per furto, ma il giudice non ha convalidato l’arresto

Venerdì 31 maggio il cantante Marco Carta era stato arrestato per furto aggravato e processato per direttissima ma il giudice non ha convalidato l’arresto. Carta era stato fermato alla Rinascente di piazza del Duomo, a Milano, insieme a una donna di 53 anni dopo aver cercato di uscire dal negozio con sei magliette del valore di 1.200 euro a cui aveva tolto il sistema “antitaccheggio”, ma non la placchetta flessibile che aveva fatto suonare l’allarme. Il cantante era stato fermato dalla polizia locale e per lui erano stati disposti gli arresti domiciliari.

Oggi è stato processato per direttissima ma il giudice ha deciso di non convalidare l’arresto, rinviando Carta a giudizio per settembre. Al termine del processo l’avvocato di Carta ha detto che «è stata chiarita la totale estraneità di Marco Carta. Lui è estraneo a qualsiasi addebito. Il fatto è attribuibile ad altri soggetti, lui è totalmente estraneo, è stato acclarato dal giudice. Marco è una bravissima persona». Lo stesso Carta avrebbe detto, riportano alcuni giornali, che «le magliette non le ho prese io, l’hanno visto tutti. Il giudice ha capito, ora sono un po’ scosso perché non sono abituate a questa cose»; e rispetto a chi abbia rubato le magliette: «Non mi va di dirlo. Non faccio la spia. Non sono stato io, questa è la cosa più importante e sono felice di poterlo dire».

(ANSA/ANDREA MEROLA)