• Mondo
  • giovedì 30 maggio 2019

Il Canada pagherà 172mila euro per riprendere dalle Filippine 69 container di spazzatura

Il Canada pagherà circa 172mila euro per riprendersi 69 container pieni di spazzatura spediti nelle Filippine sei anni fa, dopo che il presidente filippino Rodrigo Duterte aveva minacciato di scaricarli nelle acque canadesi. Il ministro degli Esteri, Teodoro Locsin, ha detto che i rifiuti spediti nel paese da Australia, Corea del Sud e Hong Kong saranno i prossimi a essere restituiti. Le Filippine non sono il primo Paese del sud est asiatico a voler rimandare indietro i carichi di spazzatura inviati dai paesi ricchi per essere smaltiti nelle discariche illegali: martedì la Malesia aveva detto che avrebbe ridato indietro a Stati Uniti, Canada, Australia e Regno Unito quasi 3mila tonnellate di rifiuti di plastica non riciclabile, dopo che 60 container pieni di rifiuti erano stati intercettati mentre venivano introdotti di nascosto nel paese.

Alcuni manifestanti protestano fuori dal Senato delle Filippine per chiedere che il governo canadese si riprenda i rifiuti spediti nel paese sei anni fa. (AP Photo/Bullit Marquez)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.