La società che possiede Mercatone Uno è fallita

Sabato mattina tutti i negozi dello storico marchio romagnolo sono rimasti chiusi, tra le proteste di migliaia di dipendenti

Il tribunale fallimentare di Milano ha dichiarato venerdì il fallimento di Shernon Holding srl, la società che nell’agosto 2018 aveva acquistato Mercatone Uno, nota catena italiana della grande distribuzione di mobili. Sabato mattina tutti i punti vendita di Mercatone Uno, 55 in tutta Italia, sono rimasti chiusi. Secondo i sindacati di categoria, ai 1.800 dipendenti riassorbiti da Shernon Holding non sarebbe arrivata alcuna lettera di licenziamento o avviso ufficiale: avrebbero saputo della chiusura dei negozi solo venerdì sera, sui social network e dai responsabili delle varie filiali. Sabato mattina i dipendenti di alcuni negozi si sono comunque presentati di fronte ai punti vendita, organizzando presidi e proteste contro la gestione di Shernon Holding.

Dopo l’acquisizione dei negozi, ha scritto il Corriere, la Shernon Holding aveva annunciato un imponente piano di rilancio per ottenere già ampi ricavi a partire dal 2022. Poco dopo, però, la società aveva cominciato a parlare di crisi e aveva fissato un incontro al Ministero per lo Sviluppo Economico per studiare un piano di salvataggio per l’azienda. Prima che questo avvenisse, e senza alcun preavviso, la Shernon ha però dichiarato fallimento.

(Salvatore Esposito/Pacific Press/ZUMAPRESS.com)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.