L’attore Geoffrey Rush riceverà 2,9 milioni di dollari di risarcimento dal quotidiano australiano Daily Telegraph

L’attore Geoffrey Rush riceverà in tutto 2,9 milioni di dollari di risarcimento (circa 2,6 milioni di euro) dal quotidiano australiano Daily Telegraph, dopo aver vinto una causa per diffamazione. Ad aprile un giudice aveva ritenuto il quotidiano e il giornalista Jonathon Moran colpevoli diffamazione nei confronti dell’attore per due articoli pubblicati alla fine del 2017 che riguardavano le accuse secondo cui Rush avrebbe avuto «comportamenti inappropriati» nei confronti di un’attrice tra il 2015 e il 2016. Il giudice aveva stabilito che Rush venisse risarcito con 850.000 dollari australiani, circa 500.000 euro, per il danno alla sua reputazione, ma oggi il tribunale federale di Sydney ha deciso che l’attore dovrà ricevere altri 2 milioni di dollari per le perdite di guadagni che gli articoli del Daily Telegraph gli avrebbero arrecato.

All’epoca delle accuse nei suoi confronti, Rush aveva negato che fossero vere ma si era comunque dimesso da presidente dell’Australian Academy of Cinema and Television Arts (AACTA). Rush, che ha 67 anni, ha lavorato in decine di film e ha vinto il premio Oscar come Miglior attore nel 1997 per il ruolo del pianista David Helfgott nel film Shine. Negli ultimi anni ha recitato nel film Il discorso del re ed ha interpretato il Capitan Barbossa nella serie di film di Disney Pirati dei Caraibi.

(Jordan Strauss/Invision/AP, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.