Il Botswana ha cancellato il divieto di caccia agli elefanti

Il Botswana ha cancellato il divieto di caccia agli elefanti, parlando dei crescenti problemi che gli animali causavano agli allevatori e i danni all’economia che girava intorno alla caccia. In Botswana vivono circa 130.000 elefanti, la più grande popolazione al mondo, e dal 2014 era stato introdotto un divieto sulla loro caccia, per aiutare a preservare la specie. Il numero di incidenti legati agli elefanti è però in aumento, ha detto il governo del Botswana, con gravi problemi soprattutto per gli abitanti delle zone rurali del paese. Quando grandi gruppi di elefanti si spostano causano grossi danni a coltivazioni e villaggi, provocando a volte anche la morte di persone. Secondo i critici, la cancellazione del divieto è solo una mossa del presidente del paese Mokgweetsi Masisi per aumentare il suo consenso nelle zone rurali del paese.

Elefanti in Botswana (Michael Jansen via Flickr).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.