• Italia
  • mercoledì 22 maggio 2019

È in corso una rivolta nel carcere di Campobasso

È in corso una rivolta nel carcere di Campobasso: Ansa scrive che sarebbero coinvolti almeno 28 detenuti che, secondo le prime informazioni, si sarebbero barricati dentro una zona della struttura (il settore II) dando fuoco ad alcuni materassi e rompendo alcune finestre. Dall’esterno si sono sentite delle urla e si è visto del fumo uscire dalle finestre di alcune celle. Non ci sarebbero agenti sequestrati o ostaggi, ma non è chiaro se ci siano delle persone ferite.

Il carcere è attualmente circondato dalle forze dell’ordine. Sul posto sono presenti anche delle ambulanze e il Procuratore capo di Campobasso, Nicola D’Angelo. Secondo Aldo Di Giacomo, segretario delsindacato degli agenti penitenziari, alla base della protesta, riporta Ansa, «potrebbero esserci problemi con la diminuzione di alcuni benefici quali telefonate ed altro». E ancora: «A quanto si apprende i motivi della rivolta sarebbero da individuare sia nella restrizione di alcuni benefici che per il super affollamento del II settore: secondo Di Giacomo infatti nel reparto alcuni detenuti avrebbero dormito con i materassi per terra, in un carcere che al momento vede la presenza di circa 180 detenuti. Non molti di più rispetto al totale della capienza, ma sensibilmente rispetto alla capienza del settore. A questo si aggiunge, riferisce Di Giacomo, che nelle ultime settimane nel carcere sono affluiti detenuti con problemi psichici o tossicodipendenti».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.