• Cultura
  • mercoledì 22 maggio 2019

Il Man Booker Prize International è stato vinto da un romanzo scritto in arabo

Si intitola "Celestial Bodies" e la sua autrice, Jokha Alharthi, è la prima scrittrice dell'Oman a essere tradotta in inglese

Il 21 maggio è stato assegnato il Man Booker International Prize, il più importante premio letterario dedicato alla narrativa tradotta in inglese nel Regno Unito, e per la prima volta ha vinto un romanzo scritto in arabo. Si intitola Celestial Bodies ed è stato scritto dalla scrittrice dell’Oman Jokha Alharthi: è la prima autrice donna del suo paese un cui libro viene tradotto in inglese. Insieme al riconoscimento Alharthi ha vinto 25mila sterline (28mila euro) e la stessa cifra è stata vinta da Marilyn Booth, la studiosa americana che ha tradotto Celestial Bodies in inglese. Il romanzo racconta le storie di tre sorelle, una che si sposa con un uomo ricco dopo una delusione d’amore, una che si sposa per dovere e la terza che aspetta un uomo emigrato in Canada.

Il Man Booker International Prize esiste dal 2005. Fino al 2015 veniva assegnato ogni due anni all’opera omnia di un autore scritta in inglese o disponibile in inglese, ma dal 2016 è diventato annuale e ogni anno viene scelta una singola opera, scritta in una lingua diversa dall’inglese e tradotta. Il concorso vuole infatti valorizzare e sostenere la letteratura straniera e dare importanza anche al lavoro dei traduttori. È il corrispettivo internazionale del Man Booker Prize, consegnato al miglior romanzo pubblicato nel Regno Unito durante l’anno, che deve essere scritto originariamente in inglese; quest’anno lo ha vinto Milkman della scrittrice nordirlandese Anna Burns.

La scrittrice Jokha Alharthi e la traduttrice Marilyn Booth dopo aver vinto il Man Booker International Prize a Londra, il 21 maggio 2019 (Peter Summers/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.